MultiplayerGiochi per PCGiochi per MacGiochi GratisOggetti Nascosti
Vampire Saga: La fuga gioco
3.21875
64

Vampire Saga: La fuga

Genere: Oggetti Nascosti

Buone notizie per tutti i fan di spaventose storie di vampiri! Ecco il sequel di quest'unico gioco con oggetti nascosti intitolato Vampire Saga: La fuga! Aiutate un padre a trovare la cura per il male che ha ucciso la sua bambina e dozzine di altre persone. Andate col treno in un misterioso ospedale, risolvete tutti gli enigmi prima di giungervi. Esplorate i dintorni e siate abbastanza coraggiosi da svelare tutti i segreti. Portate a termine questa importante missione e mettete tutto al suo posto. Buona fortuna!

VAMPIRE SAGA: LA FUGA SCHERMATE

PROVA A GIOCARE AGLI EPISODI FAVOLOSI DI IOCO VAMPIRE SAGA: LA FUGA

VAMPIRE SAGA: LA FUGA RECENSIONE DI DOUBLEGAMES

   
   

Il nuovo gioco con oggetti nascosti Vampire Saga: Break Out è il terzo capitolo della popolare saga dei Vampiri che ancora una volta vi vede investigare nell’oscurità, luoghi infestati della città di Hell Lock. Vestirete i panni di un medico, guidato da visioni della figlia morta per investigare gli intrighi della stramba città -luoghi in cui nessuna persona sana di mente oserebbe mai avventurarsi. Quando Vampire Saga: Break Out iniziò, eravamo certi che avremmo avuto a che fare con un gioco di alta qualità. La grafica è molto buona e la giocabilità è fluida e logica. Poi, scena dopo scena, il gioco peggiora inesorabilmente. Dopo alcuni minuti di gioco si capisce che le scene sono praticamente le stesse di Vampire Saga: Hell Lock. Si è subito coinvolti in un avanti e indietro di scena in scena per trovare diversi oggetti. Quindi, il gioco diventa molto noioso, gli oggetti sono troppo piccoli e hanno poco senso, la musica di sottofondo è ripetitiva e noiosa. La trama…beh…la trama è decisamente povera e, per meglio dire, non si sviluppa proprio. Comunque, una cosa funziona bene in Vampire Saga: Break Out -le scene con oggetti nascosti. Invece della solita “lista della spesa” vi sono immagini di oggeti mostrati a turno e dovete trovare gli oggetti e abbinarli alle immagini. In più, ci sono alcune creature spaventose che vi faranno sobbalzare. Infine, quando si pensa che Vampire Saga: Break Out non possa ulteriormente peggiorare, per fortuna finisce. Dopo svariate ore snervanti di gioco, si può essere davvero esausti. Questa esperienza di gioco può offrire solo una grande delusione. Ecco che perdiamo un’altra buona saga…

.. Read more

Il nuovo gioco con oggetti nascosti Vampire Saga: Break Out è il terzo capitolo della popolare saga dei Vampiri che ancora una volta vi vede investigare nell’oscurità, luoghi infestati della città di Hell Lock. Vestirete i panni di un medico, guidato da visioni della figlia morta per investigare gli intrighi della stramba città -luoghi in cui nessuna persona sana di mente oserebbe mai avventurarsi. Quando Vampire Saga: Break Out iniziò, eravamo certi che avremmo avuto a che fare con un gioco di alta qualità. La grafica è molto buona e la giocabilità è fluida e logica. Poi, scena dopo scena, il gioco peggiora inesorabilmente. Dopo alcuni minuti di gioco si capisce che le scene sono praticamente le stesse di Vampire Saga: Hell Lock. Si è subito coinvolti in un avanti e indietro di scena in scena per trovare diversi oggetti. Quindi, il gioco diventa molto noioso, gli oggetti sono troppo piccoli e hanno poco senso, la musica di sottofondo è ripetitiva e noiosa. La trama…beh…la trama è decisamente povera e, per meglio dire, non si sviluppa proprio. Comunque, una cosa funziona bene in Vampire Saga: Break Out -le scene con oggetti nascosti. Invece della solita “lista della spesa” vi sono immagini di oggeti mostrati a turno e dovete trovare gli oggetti e abbinarli alle immagini. In più, ci sono alcune creature spaventose che vi faranno sobbalzare. Infine, quando si pensa che Vampire Saga: Break Out non possa ulteriormente peggiorare, per fortuna finisce. Dopo svariate ore snervanti di gioco, si può essere davvero esausti. Questa esperienza di gioco può offrire solo una grande delusione. Ecco che perdiamo un’altra buona saga…